Sogno #6



Ero in un supermercato con P., giravamo tra gli scaffali in cerca di cibo per un pranzo o una cena. Passavo in rassegna i surgelati ma sapevo che se avessi suggerito di prendere qualcosa di surgelato P. mi avrebbe sconsigliato, dicendo che si trattava di prodotti industriali che oramai erano sostanziosi quanto l'acqua. Cercavo anche prodotti alternativi alla carne ma senza grandi speranze, visto che si trattava di un supermercato di un piccolo centro. A un certo punto incontravamo sua sorella assieme ad un altro uomo. In quel momento sento della musica, ma non si trattava della tipica musica da supermercato sparata dagli altoparlanti...lì c'era un tipo in carne ed ossa che suonava una chitarra acustica dal vivo. Riconoscevo dagli accordi e dal refrain che stava suonando Titanic di De Gregori ma senza cantarne le parole, con le quali iniziavo invece a cimentarmi io, sbagliandone parecchie. Ad esempio ricordo che cantavo "Sembra quasi che il gatto che abbiamo nel cuore/ quasi quasi si vada a squagliare", al che la sorella di P. mi corregge facendomi notare che avrei dovuto cantare "ghiaccio" e non "gatto".