Auschwitz rende impossibile pensare la morte come "mia", proiettandola immediatamente nella dimensione della Storia Universale. Ciò è però l'opposto esatto della consolazione. Perché sullo sfondo di millenni di civiltà e a loro coronamento ideale, la morte trova confermata, piuttosto che smentita, la propria assurdità.