Ad hominem

Il paradosso nella nozione di "dialogo" è che quelli che lo invocano spesso non hanno niente da dire e cercano solo un bersaglio su cui sfogare le proprie frustrazioni. Il peggio è che non se ne accorgono nemmeno. E chi se ne allontana perché annoiato dal loro monologo viene così facilmente accusato di rifiutare il confronto. E' un capolavoro di equilibrismo: se accetti di parlare di contenuti, perdi perché l'altro ripetererà all'infinito le stesse cose e non verrà scalfito dai tuoi argomenti che continuerà ad ignorare; se rifiuti di parlare, perdi perché "non vuoi ascoltare". Alla fine, l'unico argomento che restituirebbe dignità all'interlocutore sarebbe quello che, dicendo la verità, gli nega il dialogo di cui abusa: non parlo con te perché non sopporto come tratti le parole.